Marianne Faithfull porta Mapplethorpe alla Tate di Liverpool

blog sulla fotografia di enrico ratto

L’arte mi ha salvato la vita ha più volte ripetuto Marianne Faithfull, origini nobili viennesi, icona del rock, musa dei Rolling Stones, compagna di Mick Jagger e amante di Keith Richards (con cui ha ancora oggi una bella amicizia, che si traduce in pezzi cantati a due voci come Sing me back home), compagna di Mario Schifano negli anni romani, attrice nel film Maria Antoniette di Sofia Coppola e molto altro… sarebbe sterminato l’elenco di cose fatte e ispirate da Marianne Faithfull.

Marianne Faithfull torna oggi all’arte con l’incarico di curare la mostra Innocence and Experience alla Tate Gallery di Liverpool dal 21 aprile al 2 settembre. Non solo fotografia né opere contemporanee, ma anche lavori di Francis Bacon, William Blake, Balthus e Lucian Freud, pittore inglese, nipote di Sigmund, scomparso lo scorso anno.

Per quanto riguarda la fotografia, in Innocence and Experience sono esposte due stampe significative per la vita di Marianne Faithfull.

La prima: il ritratto che Robert Mapplethorpe fa alla stessa Marianne Faithfull nel 1976, periodo nel quale entrambi vivevano un’intensa vita nel jet set newyorkese. Si tratta di una fotografia spontanea, molto probabilmente poco costruita da un punto di vista tecnico, ma che ha dato lo spunto a elaborate osservazioni sulla composizione geometrica ricercata da Mapplethorpe: le braccia di Marianne Faithfull creano un perfetto triangolo tra la linea verticale del muro e la linea orizzontale della balaustra, a sua volta tagliato in due parti dal corpo stesso.

Marianne Faithfull Robert Mapplethorpe Robert Mapplethorpe Marianne Faithfull 1976, Stampa del 2003, 342 x 341 mm

Negli anni ’70 Robert Mapplethorpe ha ritratto Marianne Faithfull anche in una Polaroid, non esposta alla Tate di Liverpool. La Polaroid fa parte della vastissima produzione, circa 1500 stampe, che Mapplethorpe realizza tra il 1970 e il 1975 a New York. Untitled (Marianne Faithfull) è stata esposta al pubblico nel 2008 in Polaroids: Mapplethorpe al Whitney Museum of American Art di New York.

mapplethorpe marianne faithfull polaroid Untitled (Marianne Faithfull) è la Polaroid realizzata tra il 1970 il 1975 da Robert Mapplethorpe

La seconda opera fotografica esposta in Innocence and Experience è in realtà un collage Pop. Anch’essa è legata alla dinamica, iconica vita di Marianne Faithfull tra Londra e New York. Si tratta di un poster realizzato nel 1967 da Richard Hamilton (Just What Is It Makes Today’s Homes So Different, So Appealing? di Richard Hamilton,  esposto a This is Tomorrow, è considerata la prima opera Pop Art) nel quale sono riunite una serie ritagli dei giornali che riportano la notizia dell’arresto di Robert Fraser e Mick Jagger per la droga ritrovata durante un party in casa di Keith Richards nel Sussex.
Robert Fraser, in quel periodo, è l’agente ed è lui a chiedere a Richard Hamilton di realizzare la litografia Swingeing London 67.
Un lavoro realizzato in pieno spirito Pop e che rende al meglio l’idea dell’attenzione mediatica cui erano soggetti i Rolling Stones e tutte le persone che a loro ruotavano intorno nel decennio della Swinging London.

richard hamilton rolling stones Richard Hamilton Swingeing London 67, Litografia, 1967, 711 x 498 mm. © The estate of Richard Hamilton

Commenta

commenti

, , , , , , ,

About the author

View all articles by Enrico